mercoledì, Aprile 14, 2021
spot_img
HomePrimo pianoArea di risulta: quando un ciclo-parcheggio?

Area di risulta: quando un ciclo-parcheggio?

[slideshow id=6] PESCARA – L’amministrazione comunale propone la realizzazione di una strada nell’area di risulta per dirottare il traffico da Corso Vittorio Emanuele che dovrebbe essere pedonalizzato, senza una chiara visione delle potenzialità di valorizzazione di quello spazio che oramai da decenni è un semplice parcheggio. Negli ultimi anni è cresciuta notevolmente la disponibilità di parcheggi a Pescara e grandi aree si sono rese disponibili per ospitare le auto, contribuendo ad aggravare la già difficile situazione ambientale e sanitaria della metropoli adriatica.

L’equazione è semplice: più strade, più parcheggi, uguale più auto, a scapito del trasporto pubblico se non aumentano corse dei mezzi e corsie preferenziali. Oltre all’area di risulta, basti pensare al parcheggio sotto il tracciato ferroviario a Portauova, o lungo gli argini del fiume. Quanto invece è stato fatto per incentivare l’uso della bici creando spazi appositi per il posteggio sicuro, e magari offrire anche servizi a chi si sposta in bici quotidianamente fuori città? Al lettore la risposta, alquanto scontata purtroppo. Ogni giorno masse di pendolari si riversano su Pescara, e molti viaggiatori lasciano la città passando dalla stazione ferroviaria di Pescara Centrale, o dal Terminal Bus. Quanto gioverebbe ai pendolari la possibilità di avere un ciclo-parcheggio sicuro con ampia disponibilità in un’area strategica come l’Area di risulta, dove chi arriva da fuori con treno o bus potrebbe recuperare la propria bici in tutta sicurezza, e chi parte lasciarla in mani sicure? E se ad un ciclo-parcheggio, magari alimentato da un tetto fotovoltaico, si abbinasse un servizio di piccole riparazioni? Con un piccolo investimento si potrebbero creare magari anche dei posti dei lavoro e offrire un servizio utile ai cittadini. Nel lungo periodo non è da escludersi la sostenibilità finanziaria di un tale esperimento, se gestito in maniera oculata. Esperienze positive di questo genere si diffondono rapidamente: città che pongono le buone pratiche in materia di sostenibilità al centro della loro azione, e investono in tali iniziative o nel Bike Sharing per esempio. Basta fare un ricerca rapida con un qualsiasi motore di ricerca. Noi non smettiamo di ricordarlo alle amministrazioni comunali e non solo che si susseguono.  Le risposte e le azioni concrete per rispondere alle istanze che proponiamo sono di fronte agli occhi di tutti. Siam solo noi che non le vediamo?

RELATED ARTICLES

1 COMMENT

  1. Credo che le tesi esposte siano tutte condivisibili e richiamo in proposito il documento approvato su mia proposta dall’Assemblea Comunale del Pd, ma rimasto da troppo tempo del tutto fermo e senza seguito. Le tesi principali erano : -la disincentivazione dell’ingresso in centro con le auto private, -la realizzazione di parcheggi di scambio a nord, ovest e sud, il blocco della realizzazione di altri parcheggi e posti auto, – l’aggravando degli oneri di parcheggio nel centro per soste superiori alle due ore, – istituzione del bike sharing e c reazione di un sistema completo di piste ciclabili protette, – generalizzazione di sensi unici e delle corsie esclusive per i mezzi pubblici, – istituzione di un ‘Agenzia della Mobilità dell’Area Integrata Chieti-Pescara e vari altri provvedimenti. Se vorrete parlarne affinchè non restino lettera morta almeno le cose per voi condivisibili, sono a disposizione!. Un saluto. Aurelio Giammorretti

Most Popular

Recent Comments

Carmelo on La bici nell’urna
cinzia di francesco on Caterina e la strada
fiorello on Caterina e la strada
Gabriele Ferri on Caterina e la strada
giovanna d'andrea on I commenti
mimmo on I commenti
Fabrizio Evangelista on RINVIATO il Tour dei ponti: le novità
pina madonna on Piste ciclabili