Florio Corneli

La consegna

Florio Corneli web

Il documento firmato

Il documento sottoscritto

Il documento condiviso

Il commento

FLORIO CORNELI, CANDIDATO SINDACO DI “ABRUZZO CIVICO-PESCARA A COLORI” SOTTOSCRIVE IL DECALOGO DI PESCARABICI SULLA VIABILITÁ CITTADINA – Fra i punti in Comune con il progetto di mobilità sostenibile della lista civica l’istituzione del mobility manager, la rete ciclabile urbana e formazione
Pescara, 21 maggio 2014 – Il candidato sindaco di “Abruzzo Civico”, Florio Corneli ha sottoscritto il decalogo proposto da “Pescarabici” sulla viabilità, 10 punti su strategie, strumenti e risorse, a cui la nuova amministrazione dovrà attenersi, sotto la stretta vigilanza dell’associazione, per rendere più sicura la vita dei ciclisti in città. Idee e strategie che fanno già parte del progetto di mobilità sostenibile stilato da “Abruzzo Civico-Pescara a colori”, che sarà pubblicato nei prossimi giorni.
«In particolare», spiega Costantino Sferrella, candidato consigliere e responsabile del progetto di mobilità sostenibile per “Abruzzo Civico-Pescara a colori”, «ci impegneremo ad istituire la figura del mobility manager, regolata dal D.M. Ambiente 27/1998, per cui Pescara ha la maglia nera. È infatti una delle 7 città su 100 prese in esame da Euromobility, l’associazione di mobility management accreditata dal ministero dell’Ambiente, in cui manca questa figura, fondamentale per canalizzare i fondi europei a livello locale».
«Altro punto di condivisione fra il programma di “Abruzzo Civico-Pescara a colori” e il decalogo di Pescarabici», aggiungono il candidato sindaco Corneli e Sferrella, «è la realizzazione della rete ciclabile urbana. Il nostro progetto prevede due grosse direttrici parallele al mare, la prima sul lungomare, la seconda che parte dalla strada parco e prosegue su corso Vittorio Emanuele, fino a raggiungere la zona universitaria. Dopo un monitoraggio abbiamo individuato alcuni attraversamenti perpendicolari a collegamento delle due direttrici principali che permetterebbero la realizzazione di una pista ciclabile senza particolari opere di demolizione o costruzione, quindi senza costi esagerati per le tasche dei contribuenti».
«Nella fase successiva», spiegano ancora, «abbiamo previsto collegamenti fra il centro di Pescara e la parte periferica, ossia l’area urbana di Spoltore attraverso lungofiume e via del Circuito, la parte interna di Portanuova e la parte nord della città».
Nel progetto di mobilità sostenibile di “Abruzzo Civico-Pescara a colori” c’è anche un programma di bike sharing, sia con biciclette normali che elettriche, con possibilità di prenderle in prestito in 13 punti strategici della città. «Questo va a integrare il progetto ViaVai della Regione, per cui Pescara ha presentato la sua candidatura, e il progetto più ampio del bike to coast, che collega la città con le altre località della riviera. In questa proposta si inserisce, poi, il nostro progetto di riqualificazione dell’area di risulta e l’intermodalità con gli altri mezzi di trasporto regionali e interregionali».
“Oltre a ribadire la piena sottoscrizione di tutti i punti – concludono Corneli e Sferrella – chiediamo all’associazione Pescarabici un supporto e una consulenza nella redazione del progetto esecutivo e nella sua applicazione”.

Comments are closed.