Lettera aperta al nuovo Assessore alla Mobilità di Pescara

Egregio Assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Marco Presutti

Lei era tra i 4000 ciclisti che abbiamo contato i giorni 19 e 20 Ottobre scorsi su via L. Muzii, un numero simile a quelli contammo in Maggio, prima dell’apertura della pista ciclabile: la differenza è che ora l’utenza “vulnerabile” della strada è molto meno vulnerabile e non è poco!

Durante la scorsa campagna elettorale per le elezioni comunali l’attuale Sindaco Alessandrini sottoscrisse i nostri “I dieci punti irrinunciabili” nei quali abbiamo chiesto, tra le altre cose, PUMS e PGTU, la nomina del mobility manager del Comune, 120 km di nuove piste e ciclovie urbane, nuovi fondi e una buona e robusta comunicazione ai cittadini. Qualcosa si è fatto, ma qualcosa si può fare ancora prima della fine della consiliatura: il BICIPLAN, il piano urbano della mobilità ciclistica, piano di settore del PUMS, fondamentale e strategico per una organizzata diffusione della mobilità ciclistica. E poi una audace azione comunicativa che cambi, in termini educativi, la mentalità degli utenti della strada. Una seria, decisa e immediata politica di Mobility Management, con la redazione di un piano degli spostamenti casa scuola e casa lavoro in cui il comune è coinvolto in progetti nazionali. E poi una diffusa azione delle piccole cose, dei piccoli interventi, che renderebbero la vita meno difficile e più sicura ai ciclisti: raccordi, scivoli, segnaletica, protezioni, pulizia, illuminazione, in generale una maggiore attenzione ai bisogni e alle esigenze di chi si sposta sulle due ruote. Ne parleremo alla prosima riunione del Tavolo sulla Mobilità Sostenibile aperto con il precedente Assessore Diodati, l’Assessore Teodoro, alcuni tecnici del Comune, la Polizia Municipale e noi di FIAB Pescarabici.

Vorremmo incontrarLa presto per argomentare meglio le nostre istanze e per ascoltare i Suoi propositi per questa fine consiliatura.

Il Consiglio Direttivo di FIAB Pescarabici

Comments are closed.