Il Parco Centrale alla prova del Sì

In un contesto in cui si sentono urlare continuamente proclami di chi continua a dire sempre NO ancorato ad un passato grigio e sclerotizzato ed in cui, fino ad oggi, ogni angolo della città della città è stato cementificato e predato dalle automobili. Noi vogliamo guardare ad un futuro diverso in cui si restituisca lo spazio pubblico ai cittadini. Siamo quelli della ri-generazione prossima, quelli che vogliono cambiare rotta e iniziare a dire qualche Sì, pronti a misurarci contro chi vorrà continuare pervicacemente e pericolosamente a dire NO
Si alla bonifica dell’area con un grande progetto di forestazione urbana, paesaggisticamente vario, con vegetazione endemica e con spazi lacuali per l’avifauna, non recintato, accessibile e permeabile al transito ciclopedonale, per il miglioramento delle condizioni microclimatiche della città, per l’abbattimento degli inquinanti e la restituzione di ossigeno, che sia occasione di contaminazione delle aree limitrofe e la cui manutenzione ordinaria diventi grande opportunità occupazionale.
Si alla delocalizzazione all’aeroporto del terminal bus extraurbani, con una navetta ferroviaria collegata a Pescara e Chieti, alla realizzazione di uno smart hub prossimale alla stazione per il solo transito con fermate degli autobus urbani e suburbani, e si ai capolinea degli autobus urbani e suburbani in zone distali dalla stazione
Si ai parcheggi a silos, ma temporanei e fisicamente removibili, e alla riduzione dei parcheggi circostanti nella misura corrispondente alla loro saturazione.
Si ad un ampio viale di attraversamento ciclabile dell’area, con raccordi ciclabili con la stazione e il centro città, alla ciclostazione e agli stalli diffusi per biciclette, con infrastrutture leggere di informazione e socializzazione e arredi per lo svago e il tempo libero
Si alla ricucitura del parco centrale con il suo intorno residenziale e commerciale, in particolare con lo spazio retrostante la stazione e la riqualificazione sostenibile di via E. Ferrari, con misure di sostegno al centro commerciale naturale circostante e già esistente, anche attraverso interventi  a favore della micro logistica elettrica commerciale e passeggeri.
Sì al Centro Commerciale Naturale Centrale, già costituito da una rete commerciale viva, che possa sostenersi con un solido piano marketing territoriale elaborato congiuntamente e velocemente dalle componenti interessate insieme all’Amministrazione Comunale.

Comments are closed.