mercoledì, Aprile 14, 2021
spot_img
HomeRiflessioniRispettare le regole, anche in bici

Rispettare le regole, anche in bici

PESCARA – Premesso che sono dell’opinione che l’attenzione per i pedoni e per le bici, e più in generale per una mobilità sostenibile che ci renda la vita più facile e sana in una città a misura d’uomo e non di automobile, è decisamente scarsa ovunque, voglio spezzare qui una lancia in favore della legalità e del Codice della Strada. Non cito il comportamento insufficiente delle autorità urbane, Vigili Urbani in primis, nel far rispettare le regole ai conducenti di veicoli e ai pedoni.

La bicicletta è definita dal Codice della Strada come “veicolo”, e come tale obbliga il ciclista al pieno rispetto delle norme che regolano la circolazione. Nella categoria precedentemente composta solo dai veicoli con due o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare sono stati recentemente compresi anche i velocipedi a pedalata assistita con motore elettrico. Vero è che la bicicletta, diversamente da altri veicoli, può essere anche portata a mano: in questo caso, e solo in questo caso, i ciclisti appiedati sono assimilabili ai pedoni e pertanto non sono soggetti alle norme relative ai conducenti di veicoli. Sono ciclisti, e non pedoni, le persone in sella che procedono senza azionare i pedali, ma spingendosi con i piedi a terra. Il nuovo Codice della Strada prevede che due ciclisti (non di più) possono circolare affiancati solo nei centri abitati; fuori è consentito solo se uno di essi ha meno di dieci anni e procede alla destra dell’altro. È fatto obbligo di circolare sulle piste ciclabili, quando esistono, mentre l’attraversamento di una carreggiata sulle strisce pedonali obbliga il ciclista alla conduzione a mano solo in caso di traffico particolarmente intenso o, in generale, dove le circostanze lo richiedono. Quindi tutti i ciclisti che passano con il rosso, e sono quasi tutti, sono passibili di multe così come lo sono i pedoni che passano con il semaforo a loro riservato rosso. Ma tanto in questo paese ormai allo sbando ignoriamo sia l’Educazione Civica che il Buon Senso, tanto più se comune.

Filippo Catania, Pescarabici

RELATED ARTICLES

2 COMMENTS

  1. se noi ciclisti, che reclamiamo regole e leggi nei ns confronti, per primi non rispettiamo le regole, e da pedoni con la bici affianco e da ciclisti in sella, siamo assolutamente un cattivo esempio a tutti gli autisti e pedoni che circolano su carreggiate….., qdi punibili con giuste e legali multe.
    cerchiamo di far ordine prima nel ns gruppo, nella ns comunità di ciclisti e poi ci giriamo intorno a commentare gli incidenti e le sregolatezze altrui.
    graditi saluti.

    un ciclista

Most Popular

Recent Comments

Carmelo on La bici nell’urna
cinzia di francesco on Caterina e la strada
fiorello on Caterina e la strada
Gabriele Ferri on Caterina e la strada
giovanna d'andrea on I commenti
mimmo on I commenti
Fabrizio Evangelista on RINVIATO il Tour dei ponti: le novità
pina madonna on Piste ciclabili