giovedì, Dicembre 8, 2022
spot_img
HomeCicloturismoDo you know Bike4Truce?

Do you know Bike4Truce?

Bike4Truce-webdocLONDRA 2012 – Simbolo di un nuovo modello di mobilità sostenibile e di uno stile di vita sano, la bicicletta può rivelarsi una vera e propria “arma di azione di massa”, ancor di più se ad essa si uniscono le sinergie della rete… Durante le Olimpiadi di Londra 2012 un gruppo di appassionati ciclisti, tra cui alcuni videomaker, si è lanciato in un ciclo-tour che ha attraversato il Belgio, la Francia e l’Inghilterra per manifestare contro il mancato rispetto della Tregua Olimpica. Con Bike4Truce webdoc, documentario interattivo online, vogliamo raccontare questa avventura – insieme a voi e grazie al vostro sostegno – per diffondere il messaggio positivo e pacifista di cui essa è stata e vuole continuare ad essere portatrice. Il trailer del webdoc è accessibile su Youtube.

Bike4Truce: da ciclo-tour a web documentario

Partito dal Belgio il 10 agosto, il ciclo-tour Bike4Truce ha attraversato la Francia ed è arrivato nella capitale inglese il 16 agosto unendo idealmente, in un percorso di 600 km, i luoghi simbolici della dichiarazione dei diritti umani di Polleur (1789) con quelli della riaffermazione della Tregua Olimpica (Londra 2012), come sancita dalla risoluzione ONU del 17 Ottobre 2011.

I 12 ciclisti italiani di Bike4Truce erano alla loro prima esperienza di ciclo tour, ma hanno deciso di accettare questa sfida per dimostrare in prima persona, concretamente, che un modello di sviluppo sostenibile e pacifico è possibile, pedalata dopo pedalata, aiutandosi a vicenda. Il successo della loro impresa, infatti, si deve anche al pronto sostegno ricevuto dalla Warmshowers, la comunità delle persone disposte ad offrire ospitalità e a trascorrere del tempo insieme ai ciclisti in viaggio. I ciclisti locali – cosiddetti “greeters” – di Warmshowers non solo hanno condiviso le tappe del tour, ma ne hanno davvero rivoluzionato il tragitto, accompagnando il gruppo in giro per le campagne e a pranzo in luoghi “vietati” ai turisti.

Lungo il percorso, i ciclisti hanno raccontato se stessi e la loro sfida quotidiana per superare i propri limiti; il fatto di pedalare insieme giorno dopo giorno ha permesso loro di superare le avversità ed andare oltre le distanze culturali.

Siamo convinti che sulla scia di esperienze come Bike4Truce, la bicicletta possa davvero diventare il mezzo – in senso letterale e figurato – per un modello di sviluppo alternativo, che apra la strada a nuove modalità di risoluzione dei conflitti, per un impegno civile che miri a estendere la Tregua Olimpica alla vita di tutti i giorni. La medaglia ricevuta dal Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, quale  riconoscimento dell’impegno civile che il ciclo tour ha veicolato non ha fatto altro che rafforzarci in questo proposito.

Il progetto Bike4Truce ha ricevuto il sostegno della Fondazione Olos, che ha coperto i costi per le riprese realizzate durante il ciclo tour e per la pubblicazione del sito che ospiterà il webdoc (www.bike4truce.org , under construction).

Per diffondere al massimo il messaggio di Bike4Truce, inoltre, riteniamo che il webdoc vada promosso il più possibile sui mezzi di comunicazione tradizionali e sui social media: radio, televisioni, quotidiani e riviste su carta, da una parte; dall’altra blog, social network, webzine, webradio, webtv.

Per lo stesso motivo vogliamo che i contenuti del webdoc siano tradotti anche in inglese, per poter raggiungere il pubblico più vasto possibile a livello internazionale.

Affinché il messaggio di pace trasmesso dall’esperienza dei ciclisti di Bike4Truce non resti isolato e fine a sé stesso, ma si diffonda il più possibile, chiediamo di sostenere la realizzazione nel nostro webdoc crossmediale – sia con una donazione su Produzioni dal Basso, sia partecipando attivamente ad arricchire con  contributi personali ed impressioni il nostro progetto.

Bella storia! Ma non finisce qui

Ovviamente ci piacerebbe tantissimo dare un seguito alla nostra storia, organizzando eventi reali e virtuali che ci accompagnino durante tutto il periodo fino alla prossima Tregua Olimpica… I prossimi appuntamenti sono le Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Sochi 2014 e quelle estive di Rio de Janeiro 2016.

Come immaginate una seconda edizione di Bike4Truce con centinaia e centinaia di ciclisti, in Brasile nel 2016?

Immaginate… Insieme, possiamo.

RELATED ARTICLES

Pedalar mangiando

La città sospesa

Altri nostri eventi

Pedalar mangiando

La città sospesa